Pronta la nuova strategia per il recupero della ricchezza sommersa. Lo annuncia il direttore dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera. Cosi' dopo i controlli di dicembre e gennaio a Cortina e Roma , in primavera potrebbero arrivare scandagliate in tutto il Centro – Nord e al Sud. "Siamo in grado di verificare la posizione di tutti i contribuenti", annuncia da Roma, "dopo le dichiarazioni dei redditi di giugno scattera' un'operazione di controlli "massivi".

I controlli partiranno da giugno, subito dopo le dichiarazioni dei redditi che verranno ben verificate. Nel nostro Paese, spiega l'Agenzia delle Entrate, si producono 120 miliardi di evasione e 250 miliardi di sommerso. La vera lotta all'evasione fiscale, conclude Befera, puo' cominciare davvero. E dalla sua ha un esercito di 30mila addetti pronti ad effettuare tutti i controlli necessari: "la lotta all'evasione e' uno sforzo titanico, ma comincia a dare i suoi frutti. Nel 2011 abbiamo recuperato 11,6 miliardi. Ora, con il controllo dei conti bancari, puo' partire la grande svolta di primavera".