Dopo il si arrivato nella notte da parte delle Commissioni Bilancio e Finanza, questa mattina la manovra debutta in aula alle 10 per la fiducia.


Tra le riforme inserite soprattutto quelle che riguardano casa, pensioni e conti correnti .


''Abbiamo strutturalmente identificato nuova materia imponibile- ha commentato il capo del governo Mario Monti – e non saranno i soliti noti  a pagare, saranno altri noti''.


''Non mi sono autiocandidato alla guida del governo- ha prosegutio Monti – sono stato chiamato a dover gestire una situazione di emergenza, la politica italiana era paralizzarta dai veti incrociati''.

Uno sforzo pragmatico di coerenza, il premier ha definito così il duro lavoro fatto dall'esecutivo sulla manovra.

"Sicuramente adesso abbiamo una manovra più equa e dire che pagano sempre i soliti è rifarsi a luoghi comuni". A bloccare l'iter della manovra erano state le polemiche sulle liberalizzazioni e sull'Ici.

''A noi è toccato parlare il linguaggio della verità'' ha sottolineato il capo del governo, chiedendo poi alle forze politiche: ''perchè non le avete fatte voi queste riforme?''.

L'Italia sta perdendo quote di sovranità maggiori rispetto a quelle perse dagli altri paesi europei, a causa della sua posizione di forte debolezza.