Chiusa definitivamente la questione della prima rata, eliminata ufficialmente con una legge varata lo scorso 24 ottobre dalle due camere, si torna a parlare della tassa sulla casa in relazione alla seconda tranche di pagamento. Il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni ha annunciato infatti: “non sarà faciele evitare la seconda rata dell’Imu ma si può fare”. Tra l’altro, secondo i calcoli fatti dal Corriere della Sera, il ritorno puro e semplice dell’imposta, senza correttivi e detrazioni, verrebbe a costare fino a 100 euro in più rispetto al 2012. All’attacco contro il tesoro sulla questione si è scagliato il capogruppo pdl alla Camera Renato Brunetta: “Qualcuno gli dica – ha affermato – che continuando così non fa altro che male a se stesso e al Paese: non ha mai soluzioni e paventa difficoltà e problemi anche quando non ci sono. Come in questo caso, per cui la cancellazione della seconda rata Imu è ormai assodata”-

Più ottimista è stato invece il ministro dell’Interno Angelino Alfano che ha dichiarato: “La seconda rata Imu non si pagherà. È un impegno assunto con il Parlamento e con gli italiani ed è un impegno che sarà mantenuto, che dovrà essere mantenuto”.