Ai microfoni di SkyTg24, il ministro Elsa Fornero ha difeso l’operato del governo, in materia di riforma del lavoro: “Dobbiamo sforzarci di avere una flessibilità buona. La flessibilità cattiva si traduce in precarietà”. Quindi si torna sul discorso della flessibilità, senza però demonizzare il posto fisso.

E’ necessario, per la Fornero, “rompere il meccanismo per il quale le imprese che hanno lavoro flessibile pagano poco. Se vuoi la flessibilità devi essere pronto a pagare di più”. Si parla poi anche di giovani e di prospettive per quel che riguarda la questione delle pensioni: la riforma secondo la Fornero, “aiuta i giovani, sottrae loro un onere, quello del debito che era un peso enorme sulle giovani generazioni”.

Il ministro ne ha anche sulla Fiat: “deve restare italiana e lavorerò per questo, ma deve essere produttiva” spiega, “E non deve restare in Italia perché tenuta in piedi”.