Si è parlato solo di lei: Belen Rodriguez, dopo essere salita sul palco dell’Ariston con uno spacco che dire vertiginoso è dire poco, e aver mostrato in mondovisione il suo tatuaggio all’altezza dell’inguine, prende di nuovo la parola per spiegare che sì, forse ha un po’ esagerato, anche se, continua, non era certo senza mutande… Prodigi dell’alta sartoria italiana. Ad ogni modo, il clamore della faccenda non deve averla lasciata indifferente e forse, questo passo indietro e questa neo timidezza si deve un po’ anche al richiamo del ministro Elsa Fornero che si era detta ieri “offesa” per l’immagine che la nostra tv dà della donna.

Senza peli sulla lingua però Belen ha replicato lanciando una frecciatina anche alla compita ministra: “Faccio parte del mondo della Tv e la Tv è show. Non scrivo le leggi. Farebbe clamore se fosse una parlamentare a scendere le scale con quello spacco… Ai tempi d’oro c’erano De Sica, Mastroianni e Sophia Loren che si sfilava le calze e faceva sognare. La bellezza fa parlare, fa tutto parte del gioco”.

Eppure, intervistata da Repubblica ammette:  “Sono la donna delle provocazioni mi piacciono i contrasti. La prima serata mi sono presentata come una principessa, con i capelli raccolti e il vestito nero; la seconda ho esagerato. Ho fatto, com’è che si dice… l’ammaliatrice. Ma gli slip c’erano”. “Sapevo che lo spacco era esagerato – ha proseguito – Il vestito era di Fausto Puglisi, lo stilista di Madonna: lui gioca tutto sulla trasparenza, i tagli. Scendendo le scale mi sono resa conto che era hard, ma era tutto in regola. C’era uno slip cucito in modo speciale”.