La Grecia non vuole correre rischi ulteriori e andrà alle elezioni anticipate, con ogni probabilità il prossimo 8 aprile. E se si dovesse votare oggi il nuovo premier sarebbe Antonis Samaras, leader del partito di centrodestra Nuova Democrazia. Samaras infatti nei sondaggi è dato al 31%, grazie alla forte opposizione che ha portato avanti nel piano di riforme imposto dalla troika Ue, Bce e Fmi.

Al contrario il partito socialista dell’ex premier Papandreou è fermo all’8%:  un dato che esprime in tutto e per tutto la delusione della popolazione che si vedrà inflitti ulteriori tagli in termini di salari, welfare e pensioni.