Il sondaggio sulle intenzioni di voto realizzato dall’istituto Ipsos per il programma Rai, Ballarò, vede ancora in testa il Partito Democratico con il 36,4% delle preferenze (con una crescita dello 0,3%). A seguire si conferma ancora secondo partito italiano il Movimento 5 Stelle che, nonostante le polemiche sulle parlamentarie e sulle accusa di antidemocraticità rivolte a Grillo, viaggia ancora oltre al 18% (ma in flessione dello 0,3%). Il Pdl risale invece oltre il 15% e si porta al 15,5% con una crescita di 1,6 punti percentuali.

A seguire gli altri partiti guidati da Sinistra Ecologia e Libertà al 5,6%, l’Udc al 5,5% e quindi la Lega Nord al 4,4%. Non supera la soglia del 4%, invece, la Lista Italia Civica per Monti che si ferma al 3,5%.

 

Dopo le elezioni, gli italiani vorrebbero Pierluigi Bersani come presidente del Consiglio: lo sceglie, infatti, il 32% degli elettori. A seguire, Mario Monti con il 26% e quindi il Cavaliere con Silvio Berlusconi al 16%. Nonostante l’alto gradimento, però, solo il 32% è convinto che dovrebbe proporsi come premier alle prossime elezioni. Per il 49%, inoltre, ha fatto bene ad annunciare le proprie dimissioni.

Rispetto invece al ritorno di Berlusconi, gli elettori di centrodestra sono divisi equamente tra chi è convinto che sia un danno grave, che impedirà al partito di salvarsi con il rinnovamento e chi invece ritiene che il Cavaliere rappresenti un valore aggiunto irrinunciabile.